Booking Genius: L’intelligenza è inversamente proporzionale alla tariffa di vendita.

La novità in casa Booking.com si chiama Booking Genius. Premettendo che sono un grande sostenitore dell’incredibile lavoro che Booking.com sta realizzando per le strutture ricettive che non sono in grado di vendere autonomamente, rimango sempre più perplesso dalle novità in fatto di marketing.

Cos’è Booking Genius?

Booking.com esordisce così:

“Per renderti più visibile ai nostri migliori clienti, abbiamo pensato a un nuovo modo per farti raggiungere più facilmente dai nostri clienti top, che prenotano più del doppio rispetto agli altri. Grazie al programma Booking Genius potrai essere più visibile a 3 milioni dei nostri migliori clienti.

  • 10% di sconto applicato sulla tariffa della tua camera doppia più economica, su tutti i piani tariffari presenti.
  • Le condizioni ed eventuali restrizioni verranno aggiornate automaticamente in base alla tariffa di riferimento.
  • La disponibilità di camere dipenderà da quella già caricata. Non sarà quindi possibile chiudere solo questa promozione.

 I vantaggi di partecipare al programma Booking Genius:

 Maggiore visibilità: la tua struttura comparirà in cima ai risultati di ricerca

Maggiore pubblicità: la tua struttura sarà messa in evidenza sul sito con il logo di Booking Genius

Alta conversion: le tariffe Booking Genius sono visibili esclusivamente a un gruppo ristretto di clienti, con alta frequenza di prenotazioni. Al momento sono stati scelti 3 milioni di utenti tra quelli registrati su Booking.com”

Ciò che mi  lascia perplesso è l’utilizzo di alcuni termini che troviamo spesso tra le proposte di Booking.com:

  • Offerta Intelligente
  • Booking Genius

 

Sembra quasi che abbassando la tariffa di vendita o applicando scontistiche targhettizzate l’albergatore risulti di quoziente intellettivo superiore alla media.

Suppongo quindi che chi lavora con Groupon abbia serie probabilità di ambire a premi nobel.

Il post semi-serio è solo l’ennesima considerazione di quanto la componente prezzo stia dominando incontrastata la scena delle prenotazioni alberghiere riducendo al minimo l’importanza dei servizi. E’ un processo di depacchettizzazione dell’offerta alberghiera.

Quali saranno gli scenari futuri per i genii?

 

Ha maturato una lunga e stimolante esperienza nel management alberghiero in varie località della costa Apuo-Versiliese con una gestione moderna e dinamica, cavalcando i cambiamenti del sistema turistico. Appassionato di Revenue Management e Brand Reputation, ha partecipato a progetti europei di Destination Marketing. Autore di vari articoli sulla questione “TripAdvisor” è co-autore del libro “Turismo e Reput’azione”.

Lascia il tuo commento

 

Altri post del nostro blog

vedi tutti