Le strategie opache di Expedia

Alcuni giorni fa, grazie al Gruppo di Facebook “Revenue Management“, ho scoperto che una delle nuove strategie di Expedia sarà quella di includere, sul loro sito, anche il booking engine ufficiale dell’Hotel.

Così facendo Expedia inizia a trasformarsi in un aggregatore, un po’ come il suo affiliato Trivago.

Ho subito esposto, sul gruppo, le mie perplessità. Mi sono chiesto se fosse veramente una giusta mossa quella di Expedia o come dicono molti Guru del Marketing si corre il rischio di perdere il posizionamento, cercando di colpire nel mucchio? Expedia cambierà il proprio focus perdendo ulteriore campo rispetto al suo diretto competitor?

Faccio spesso test e controllando il posizionamento della mia struttura su Expedia, noto subito qualcosa di strano. Tariffe che non mi risultano essere quelle pubblicate per quella specifica data. Le “strane” quotazioni, tra l’altro, non erano supportate da immagini della camera selezionata, come invece le altre . Dal supporto di Expedia non riscontrano però alcuna anomalia nonostante le mie documentazioni a supporto.  Faccio altri test e nuovamente trovo tariffe anomale, tariffe ribassate di molti punti percentuali. Mi viene in mente che avendo ancora un po’ di camere da vendere avevo aperto la disponibilità ad alcuni grossisti. Ho controllato la cancellation policy e ho prenotato la mia stessa struttura, con il mio nome e cognome e aggiungendo “Test”. Ecco che dopo alcuni secondi mi arriva la prenotazione da HotelBeds (noto grossista).

  • Visualizzazione della tariffa di vendita

Expedia - Hotelbeds

 

  • Acquisto

La strategia opaca di Expedia

 

  • Conferma della prenotazione

Expedia - Hotelbeds

 

 

Quindi vi starete domandando se Expedia vende camere con tariffe grossisti?

La risposta è SI. A questo punto anche l’account manager conferma.

La grande perplessità vira a questo punto sulla questione tariffaria.  Il prezzo esposto su expedia era di 123,30 , mentre la tariffa da me pubblicata e venduta al netto da HotelBeds, era di 115 euro. Ciò significa che expedia stava vendendo a 8,30 euro in più rispetto a quello che avrei percepito io da quella prenotazione. Il tutto andando completamente fuori parity rate rispetto al mio sito, alle Ota e soprattutto alla stessa Expedia. Ma il guadagno di Hotelbeds? E quello di Expedia? Consultando  contratto Hotelbeds e, come ricordavo benissimo, avevo incluso la clausola per la quale la tariffa netta avrebbe dovuto esser venduta almeno al 20% in più. Palesemente erano inadempienti. Quindi ho scritto a Hotelbeds e la loro risposta ha dell’incredibile …… Ecco che tutte le mie perplessità sulle nuove strategie di Expedia stanno diventando sempre più certezze. Voi che ne pensate di queste nuove strategie?

Direttore di Hotel Victoria Trieste. Giovane ed eclettico ha cominciato a lavorare in hotel molto presto ricoprendo vari ruoli in Italia e all'estero anche per Accor. Appassionato di Revenue Management e Social Media Marketing

Lascia un commento

  1. Rispondi

    Cosa ti ha risposto HotelBeds?
    Giusto per farsi due risate 😉

      • Lorenzo VidoniLorenzo Vidoni
      • 28 agosto 2017
      Rispondi

      Rispondo ad entrambi.
      Semplicemente Hotelbeds conferma che: Expedia è diventato un “loro” cliente e rivende le camere. Che la stessa Expedia è (in buona sostanza) inadempiente, in quanto offre tariffe senza il giusto mark up 🙂

  2. Rispondi

    Qual’è stata la risposta incredibile di HotelBeds?

 
booking engine hotel

channel-manager

Altri post del nostro blog

vedi tutti