In un periodo altamente tecnologico per l’analista d’hotel vorrei consigliare un semplicissimo file in excel, un BOF o booking on file. Se la struttura è piccola e non può permettersi un PMS altamente performante, questo potrebbe essere uno strumento molto utile.

Soprattutto negli hotel stagionali questo è il periodo di tirare le somme e cercare di capire come sia andata veramente.

Tante volte sento albergatori con valutazioni sommarie sull’andamento della stagione parlando di approssimative riduzioni di fatturato del 10% o aumenti del 20% ecc. Ma si effettua un vera e propria analisi approfondita sul consuntivo duro e puro, per cercare di ottenere informazioni utili in fase di previsione ?

Purtroppo, non tutti hanno disposizione gli utilissimi software dedicati, ma questo non vuol dire che non sia possibile creare dei fogli excel che ci possano aiutare a valutare degli indicatori di performance utili. Questi fogli di excel li chiameremo Booking on file.

Partendo dall’idea di ottenere uno schema riassuntivo chiaro, senza fronzoli, che mi desse la possibilità di avere dati semplici e di facile lettura, ho creato questa base, che può essere compilata scaricando i dati dal PMS (il mio me li scarica già in Excel):


I dati sono in base settimanale dalla Domenica al Sabato.

Considerando un piccolo Hotel di 26 camere totali (16 superior + 10 standard), si prendono per ogni singola notte:

  • Le tariffe a cui abbiamo venduto ogni singola camera (non in ordine cronologico, ma di prezzo crescente)
  • Il n° di occupanti
  • Mediana
  • Ricavo medio camera
  • Produzione
  • Rev Par

Come sullo schema possiamo personalizzare, mettendo colori diversi per ogni sorgente, tipo blu per OTA, verde FIT, rosso CORPORATE, etc.

Credo che la tariffa Mediana, sia addirittura più indicativa del Ricavo Medio Camera.

Mantengo divise le tipologie per rendermi conto della vera differenza di vendita durante il periodo di analisi in funzione dei giorni.

Da questa base si ottengono dati basici, sui quali lavorare per ottenere tanti altri schemi oppure crearne altri integrativi.

Il dubbio è se considerare le tariffe OTA Profit o lorde. Nei limiti del possibile è consigliato di utilizzare le tariffe lorde.

Penso che questo schema possa essere molto d’aiuto ad hotel di piccole dimensioni.

Chi fosse interessato al file può cliccare qui 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here